Da Hand of the King a Primo Cavaliere

Se siete fanatici come me delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, saprete che le traduzioni in italiano dei libri della saga lasciano molto a desiderare (tanto che per gli errori del traduttore – Sergio Altieri –è stato coniato un termine “le altierate”).

Uno degli errori di traduzione che si trascina per tutto il libro e impatta la serie TV è il titolo Primo Cavaliere. In inglese, il titolo è Hand of the King (Mano del Re) e come ho letto su di un forum:

“tradurre Hand of The King con Primo Cavaliere è la classica scelta di chi vuole dare al pubblico quello che già conosce, non sia mai che le povere meningi italiane si spremano per comprendere che la Mano del Re è il facente funzioni del Re, diamogli Primo Cavaliere come se fossimo alla corte di Re Artù. E tra l’altro è sbagliato proprio perché Primo Cavaliere non ti dà certo l’idea di uno che sostituisce il Re in tutto e per tutto”.

Aggiungerei a questo che il “Primo Cavaliere” non deve necessariamente essere un cavaliere, il sovrano può nominare chiunque voglia, sia o non sia cavaliere. Il titolo fa dato da Aegon I – dopo la Guerra di Conquista – ad Orys Baratheon (il primo a servire come “Primo Cavaliere” del Re) e deriva direttamente dalla descrizione che Aegon fa di Orys: “… il mio scudo, il mio servitore fedele, la mia mano destra”.

350px-Hand_of_the_KingSe le ragioni di cui sopra vi sembrano poche per criticare la traduzione, ecco alcuni dei passaggi che si perdono con questa traduzione traditrice:

1.
Parlando con Tyrion che dormirà nella Torre del Primo Cavaliere, Shae dice:
“Ogni volta che andrai a letto, penserai a me. Poi ti verrà duro, ma non ci sarà nessuno ad aiutarti, così sarai costretto a…” Fece quel suo sorriso malizioso che a Tyrion piaceva tanto. “Torre del Primo Cavaliere la chiamano? Forse dovrebbero rinominarla torre del cavaliere solitario…”
In inglese, invece, la battuta è molto più semplice ed efficace:
“… you’ll never be able to sleep unless you” she grinned that wicked grin Tyrion liked so well. “Is that why they call it the Tower of the Hand, m’lord?”

2.
Passiamo al Dominio della Regina, uno scambio tra Cersei e Jaime:
«Noi siamo i suoi eredi, Jaime» gli sussurrò. «Spetta a noi portare a compimento la sua opera. Devi prendere il posto di nostro padre quale Primo Cavaliere. Ora lo devi accettare. Tommen ha bisogno dite…»
Jaime la respinse e alzò il braccio, avvicinando il moncherino verso il suo viso. «Un Primo Cavaliere mutilato? Pessima battuta, sorella. Non chiedermi di governare.»

Che battuta sarebbe in italiano? Ecco come era in inglese:
“He pushed away from her and raised his arm, forcing his stump into her face. “A Hand without a hand? A bad jape, sister. Don’t ask me to rule.”

3.
Quando Robert offre a Ned il titolo, lo fa riportando la battuta di una servetta:
“Il re si abboffa mentre il Primo Cavaliere si becca la merda”.
Detto questo inizia a ridere, ma in italiano la battuta per cui ride è scomparsa.
Ecco l’originale: “The king eats, they say, and the Hand takes the shit”.

———————

In chiusura, perché ma la spilla distintiva del “Primo Cavaliere” dovrebbe “un fermaglio d’argento battuto a forma di mano”???
… e come si spiegherebbe la collana di mani, che ha un ruolo significato nello svolgimento delle Cronache?

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sesta stagione – fuga di notizie dal Trono di Spade

Ricordate come abbiamo lasciato Daenerys l’ultima volta che l’abbiamo vista?

Qualora non vi venisse in mente, diciamo che non se la stava cavando proprio alla grande e che un’orda di Dothraki, dall’aspetto non rassicurante, l’aveva appena raggiunta.

Dalle foto diffuse per la nuova serie si è già compreso che il suo nuovo incontro con i signori a cavallo non sarà per lei il massimo. Addirittura sembra che sia stata fatta schiava e che con gli schiavi sia costretta a viaggiare.

Tuttavia, grazie a twitter e all’attore Elie Haddad – che interpreterà un guerriero Dothraki – il seguente dialogo della sesta stagione è trapelato su internet (l’attore aveva pensato che lo shot fosse troppo sfocato per essere leggibile, ma aveva sottovalutato i fans del Trono di spade… dopo ha cancellato la foto, ma Internet è come il nord: non dimentica).

 

– “Lei mi piace.”download

– “È più pallida del latte.”

– “Scommetto che quando la pizzichi prende colore.”

– “Io ho voglia di conoscere il sapore di una Khaleesi.”

– “È buona. Puoi succhiare il mio cazzo.”

Risate tutt’intorno.

 

Da notare che lo script riguardo un dialogo in Dothraki (chiaramente sottotitolato).

Ref.

http://www.vanityfair.com/hollywood/2015/11/game-of-thrones-leaked-script-season-six-daenerys-dothraki

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il trono di spade

Vi piace il trono di spade che vedete nella serie televisiva?

Ecco, quello che vedete non ha nulla a che fare con il trono che aveva immaginato Martin.

In basso qualcosa di simile a quanto Martin aveva in mente:

18td2vk1gbbxzjpg

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Jon Snow è vivo?

La notizia è un po’ vecchia, risale al 29 luglio 2016, ma potrebbe essere la risposta a una delle domande più diffuse dopo la fine della Danza dei Draghi: Jon Snow è vivo?

Durante un’intervista lasciata a io9, dopo la pubblicazione di A Dance with Dragons, George Martin ha fornito la seguente risposta:

“… what Tyrion’s arc was gonna be through this, what Arya’s arc was gonna be through this, what Jon Snow’s arc is gonna be”.

(… ciò che sarebbe capitato nell’arco narrativo di Tyrion attraverso ciò, ciò che sarebbe capitato in quello di Arya attraverso ciò, ciò che capiterà nell’arco narrativo di Jon Snow.)jon-snow-is-deader-than-dead-but-not-gone

Jon Snow è stato pugnalato alla fine della Danza dei Draghi, ha subito tre colpi prima di perdere conoscenza e non sentire il quarto. Se fosse davvero morto, perché Martin utilizzerebbe “is gonna be” (futuro intenzionale) per riferirsi al suo arco narrativo?

Certo, la frase non è una prova, ma è un ulteriore indizio a supporto del fatto che il personaggio di Jon Snow non sia da considerarsi fuori dai giochi.

Solo George e Winds of Winter (quando vedrà la luce) potranno rivelarci i fatti.

Ref. http://www.fantasymagazine.it/19503/george-rr-martin-spoiler-da-the-winds-of-winter

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Re della Notte

I fan della serie TV, quelli piú attenti ai particolari, potrebbero aver notato un gigantesco spoiler… durante l’ultima stagione del Trono di Spade. Uno spoiler pesante sull’intera saga delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Se continuate a leggere, dunque, lo fate a vostro rischio e pericolo.

nights-king-jpg

Io vi ho avvisati, eh!

Ok, avete deciso di proseguire.

Ricordate il tizio con la testa appuntita, quello che sembra comandare gli Estranei?night kind 1

Ecco, nei titoli di testa un utente di Reddit ha notato che il tizio viene chiamato il “Re della Notte”.

Ora, se non avete idea di chi sia il Re della Notte, lascio che wiki.ghiaccioefuoco ve lo spieghi:

Secondo la leggenda, il Re della Notte visse durante l’Era degli Eroi, non molto tempo dopo l’erezione della Barriera. Era un guerriero che non conosceva la paura. Divenne il tredicesimo Lord Comandante dei Guardiani della Notte. S’innamorò poi di una donna dalla pelle bianca come la luna e dagli occhi come stelle azzurre, la inseguì e l’amò sebbene la sua pelle fosse “fredda come il ghiaccio” e quando le diede il suo seme, le diede anche la sua anima (la descrizione della donna ci fa pensare che si trattasse di un’estranea).
Portó la donna al Forte della Notte, dichiarandola sua regina e s’incoronò re, regnando per tredici anni. Durante il suo regno vennero portati a termine atti orribili, le cui storie si tramandarono per generazioni e generazioni nel Nord. Fu soltanto grazie alla forza congiunta di Brandon il Distruttore, il Re del Nord e Joramun, il Re oltre la Barriera che il Re della Notte venne sconfitto e i Guardiani della Notte liberati. Dopo la sua caduta, si venne a sapere dei suoi sacrifici agli Estranei; venne quindi distrutta ogni sua traccia e pronunciare il suo nome fu proibito. È probabile che questo episodio abbia portato i lord del Nord a vietare che i Guardiani della Notte costruissero mura protettive tra le fortezze, permettendo così la completa accessibilità dei castelli da sud.

Nei libri, la storia del Re della Notte viene raccontata dalla vecchia Nan a Bran e ci viene detto che il Re era uno Stark, un fratello del re di Grande Inverno e che anche il suo nome era Bran.
Se quello che abbiamo visto fosse davvero il Re della Notte starebbe a significare che la leggenda raccontata dalla vecchia Nan è vera e che quindi anche altre leggende del mondo di Westeros sono vere (e.g. il Corno di Joramun). Inoltre, il fatto che il Re della Notte fosse uno Stark apre la porta a ulteriori svariati svolgimenti…

Ref. http://io9.gizmodo.com/this-accidental-game-of-thrones-spoiler-just-changed-1568796246

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le mine vaganti delle Cronache del ghiaccio e del fuoco

[…] Le Wild Cards in A Song of Ice and Fire

No, non parliamo di quelle Wild Card! Invece, abbiamo pensato che potesse essere interessante dare uno sguardo alle “carte selvagge” nella serie: personaggi o gruppi che potrebbero benissimo giocare un ruolo principale. In una saga di centinaia di personaggi (più di migliaia nominati, di fatto, anche se molti di essi in realtà non hanno delle battute), è inevitabile che alcuni siano più importanti di altri, che abbiano un ruolo più significativo da giocare… ma di che ruolo si tratta è un mistero. A dire il vero, persino quando abbiamo iniziato a sparare nomi, ci siamo resi conto che a quel punto il campo si espandeva… ma qui ci sono alcune delle nostre “carte selvagge” preferite. Notate che sotto ci sono spoiler su tutti e quattro i romanzi pubblicati, visto che discutiamo su dove abbiamo visto i personaggi l’ultima volta e speculiamo su dove potrebbero essere destinati ad andare. Inoltre, notate, non c’è un ordine particolare!

“Lady Stoneheart”: Che autore malvagio che è GRRM, a fare una cosa come questa a un personaggio così ben realizzato e realisticamente imperfetto. La morte non è stata gentile con Catelyn Stark, e la sofferenza e la distruzione dei suoi cari è semplicemente stata troppo per la sua sanità mentale. E’ stata resuscitata da Beric Dondarrion dopo essere rimasta morta per un intero giorno, e poi il suo cadavere ha passato anche più tempo nel fiume prima che Nymeria (sì, il metalupo di Arya!) l’ha trascinata sulla riva. La strana magia che ha soffiato vita infuocata in Beric (e che lo ha lentamente spogliato dei suoi ricordi e della sua umanità) è passata da lui, dandogli la morte finale che aveva iniziato a bramare, ed è andata a Catelyn. Resa orribile dalle traversie, e a quanto pare ancora pazza, la sua rabbia non conosce limiti: vuole vendetta per ciò che è successo a lei e ai suoi cari, ad ogni costo. I Frey iniziano a cadere come mosche… e poi lei mette le mani su Brienne. Diciamo che, indipendentemente da come va avanti il Cliffhanger di Brienne, Lady Stoneheart non ha finito. Quanti Frey farà crollare prima della fine? La famiglia sarà anche grande, ma uno dopo l’altro stanno diminuendo. Anche in A Feast for Crows, lei ottiene il suo numero di vittime, con i suoi sostenitori dietro alla morte di Ser Ryman Frey, l’erede di Lord Walder Frey. Oltre a questo, tuttavia, qual è il suo posto nella storia più ampia? Lasciatemi esporre una teoria: così come Beric è stato in grado di passarle la fiamma della vita, credo che il suo ultimo ruolo (oltre all’essere lo spirito della vendetta) sia quello di lasciare finalmente la sua seconda vita per resuscitare qualcun altro. Qualcuno che speriamo non diventerà di fatto pazzo a causa del processo. Io spero che, se succederà, si tratti di uno dei bambini: Sansa, diciamo, perché sopra ogni altra cosa, lei [Catelyn] è stata una madre.

Arya Stark: Non si può lasciare fuori la giovane sociopatica preferita di tutti. Dopo aver lasciato a morire il Mastino, ora è a Braavos, a servire il Dio dai Mille Volti… e si è svegliata cieca una mattina, incapace di vedere. Ora, se avete prestato attenzione ai suoi capitoli. Dovrebbe essere chiaro che questa è parte del suo indottrinamento e allenamento come Uomo Senza Volto, per affilare i propri sensi. Ma questo implica piuttosto che lei è su quella strada. E’ molto giovane, certo, quindi se otterrà il pieno beneficio del loro allenamento sarà sufficiente. Ma anche poco di esso può richiedere lungo tempo… o potrebbe benissimo essere disastroso. Appena sufficiente a renderla pericolosa, troppo poco per renderla affidabile, sarebbe molto, molto brutto per qualcuno. Si tratta di un personaggio che è davvero molto amato dai fans (anche i suoi omicidi a sangue freddo sono trattati piuttosto con leggerezza), ma è possibile che cresca diventando un elemento più cattivo di Sandor Clegane. La nostra previsione? Tornerà indietro attraverso il Mar Stretto a Westeros, iniziando a ridurre la sua lista… e poi potrebbe dirigere la sua ira in modo sbagliato, perché in definitiva la vendetta può portarti solo a questo.

Jorah Mormont: Lo scontroso e duro cavaliere in esilio è un personaggio difficile da amare o persino da ammirare. Infatuato e portato alla rovina dalla stessa moglie, finisce per infatuarsi della giovane regina in erba, e diventa sempre più geloso e possessivo con lei (senza curarsi del fatto di essere circa 30 anni più vecchio). Jorah è in effetti uno dei personaggi meno amati da Linda (proprio sullo stesso livello del Mastino e, sì, di Tyrion), ma credo che il suo ruolo nella storia abbia richiesto questo genere di rozzezza (dall’altra parte, Ian Glen nei panni di Jorah Mormont presenta una personalità totalmente diversa, pur avendo tante battute uguali e gli stessi aspetti del background!) Alla fine lui perde anche la sua regina, quando Dany scopre del suo precedente spionaggio nei suoi confronti, e si rende conto che ha cercato di allontanare chiunque lo potesse rimpiazzare come principale sostenitore, consigliere e protettore. Che succederà? Ho ipotizzato a lungo che lui avrebbe approfittato del caos a Westeros per intraprendere finalmente il suo ritorno a casa. Potrebbe andare a Vecchia Città, ad esempio: un posto che sicuramente ha bisogno di ogni spada che riesce a ottenere, a causa degli uomini delle Isole di Ferro. Potrebbe chiedere asilo e aiuto alle sue leggi. Se questo funzionerà, non sarei sorpreso se fosse uno di quelli che riusciranno a sopravvivere in questa saga… e forse, dopo aver incontrato un altro parente acquisito (di nome Samwell Tarly, essendo sua madre la zia di Lynesse di Hightower), scoprirà che l’ultimo desiderio del Vecchio Orso era che lui prendesse il nero.

Edric Storm: L’ultima cosa che abbiamo visto del figlio bastardo di Robert, è che è stato mandato al sicuro da Davos Seaworth, che lo stava salvando dalle macchinazioni di Melisandre, la quale lo avrebbero fatto sacrificare per i suoi sogni di svegliare il drago di pietra. Dove andrà a finire? Sembra che si possa dire con sufficiente certezza che la nave di Salladhor Saan lo ha portato nelle Città Libere, forse a Lys, la città natale del pirata. Forse è fuori dalla storia… o forse finirà per incappare nel seguito di Daenerys Targaryen quando lei finalmente si avvierà verso l’occidente. Avere uno dei conosciuti figli di Robert dalla sua parte potrebbe aiutarla a battere alcuni lord della tempesta, che potrebbero sentirsi punti dall’abbandono di Stannis e allo stesso tempo avere lo stivale dei Lannister sulla gola. Se Edric accetterà o no una cosa simile è una domanda, ma la questione potrebbe essere irrilevante: dopotutto, lui è solo è solo un ragazzo. Prevediamo che Ilyrio Moparis potrebbe prenderlo in mano per permettere a Daenerys di usarlo per i suoi obiettivi futuri.

“Alayne”: Meglio conosciuta come Sansa… beh, abbiamo già speculato un po’ su dove la sua storia potrebbe essere destinata ad andare. L’ultima volta che l’abbiamo vista, era travestita da figlia bastarda di Ditocorto (nonostante Ditocorto sembri far fatica a tenerle le mani già di dosso), e lui intendeva sposarla all’attuale erede della Valle, conosciuto in modo piuttosto ovvio come Harry l’Erede. Ditocorto ha persino rivelato che il piano è che, dopo che il matrimonio sarà stato attuato, lei avrebbe rivelato di essere Sansa Stark. Quindi i cavalieri della Valle potrebbero farsi prendere dalla meraviglia e offrire le loro spade per farle rivincere la sede ancestrale. Un piano fantastico… ma c’è una grinza in esso, ed è Alayne. Ditocorto la sta chiaramente educando a leggere le situazioni politiche, a manipolare le persone, ma quanto ci vorrà prima che lei capisca pienamente quando profondamente lui è stato coinvolto nella caduta della sua famiglia? La vecchia di Cuore Alto ha sognato Sansa uccidere un gigante selvaggio in un castello di neve… e la risposta alla predizione è stata data alla fine in A Storm of Swords: lei strappa via la grande bambola di Robert Arryn e lui la sbatte sulla ricostruzione di neve di Grande Inverno, provocando l’attacco di Lysa Arryn e la sua morte finale. Ma se non si trattasse davvero di questo? Se si trattasse di… Ditocorto? Ricordate, l’emblema originario di suo nonno era la testa di pietra del Titano di Braavos, il gigante più spaventoso che potrete mai vedere. In un modo o nell’altro, lei probabilmente pronuncerà la fine di Petyr Baelish.

Il Credo: Ultimo, ma non meno importante. A Feast for Crows ci presenta un Credo rivitalizzato, guidato da uno zelante Alto Septon che ristora l’ordine dei militanti e si sente giustificato, e capace, di catturare non una, ma due regine, per accusarle di svariati crimini. Dopo secoli passati a essere poco più che burattini nelle mani dei Targaryen, il Credo improvvisamente diventa una grande forza. Saranno gli arbitri finali a decidere chi controllerà il Trono di Spade? Sospettiamo di no… ma probabilmente daranno sostegno a qualcuno contro Daenerys, la cui armata straniera venera una serie di dei stranieri (ma non i Sette). Sembra improbabile che questo Alto Septon accolga Daenerys a braccia aperte, come ha fatto il suo predecessore con Aegon il Conquistatore 300 anni fa. Come finirà questo? Nel sangue, ci aspettiamo.

Sicuramente c’è molto altro a cui possiamo guardare. Non ci siamo fatti domande su “Pate” nella Cittadella, o Samwell proprio accanto a lui, o Asha e Victarion dei Greyjoy, o…

[…]

http://www.labarriera.net/main.php?p=nws_read&m=n0&id=630

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Chi è Robert Strong?

Sia Kevan Lannister che i membri del Concilio ristretto ritengono che Ser Robert Strong sia il cadavere rianimato di Ser Gregor Clegane.

Le circostanze della morte di Ser Gregor, il fatto che Ser Robert venga presentato da Qyburn e la somiglianza fisica dei due suggeriscono che ciò sia vero.

E’ bene ricordare al riguardo che:

– Qyburn perse il suo titolo e la sua catena di Maestro per aver condotto esperimenti eticamente inaccettabili sugli esseri umani.
– Non ci è noto cosa sia successo al corpo di Gregor. Ci è stato solo detto che la sua testa sarebbe stata inviata a Doran Martell, ma che il cranio ricevuto dai Martell sia quello di Gregor sarebbe da verificare.
– Qyburn convince Cersei di consentirgli di fare esperimenti sul morente Ser Gregor Clegane nella Fortezza Rossa.
– Mace Tyrell e Randyll Tarly hanno dubbi circa l’identità Ser Robert Strong. Meryn Trant afferma di non averlo mai visto mangiare né bere e Boros Blount dice di non averlo mai visto usare una latrina.
– Sembra che Strong non abbia mai pronunciato una parola. Secondo quanto sostenuto da Qyburn avrebbe fatto voto di silenzio, ma la storia sembra una mera copertura.
– Pare che il capo di Ser Gregor sia stato inviato a Dorne. Per Doran Martell il cranio ricevuto sarebbe abbastanza grande da poter aver fatto parte del corpo di Ser Gregor: Ser Robert non si è mai tolto l’elmo e, essendo in un fantasy, non è detto che abbia una testa (soprattutto considerando il sogno premonitore di Bran).

Il sogno premonitore di Bran

Mentre Bran è in coma, a causa della sua caduta (A Game of Thrones), sogna di volare con il corvo con tre occhi e di vedere delle ombre:

“Un’ombra era scura quanto la cenere e aveva un orribile capo di cane. Un’altra aveva un’armatura aurea e bella come il sole. Su di loro incombeva un gigante con un’armatura di pietra. Questi, aprendo la visiera, rivelò il vuoto: all’interno del suo elmo c’erano solo il buio e del denso sangue nero”.

– La prima ombra è probabilmente Sandor Clegane – il cui viso è orribilmente sfregiato, che indossa un elmo a forma di cane ed è soprannominato il Mastino.
– La seconda è probabilmente il principe Oberyn Martell, che indossa un’armatura fatta da dischi in bronzo. Inoltre, il sole è il sigillo della casa Martell.
– Il gigante di pietra è probabilmente Ser Gregor Clegane, il cui elmo è ornato con un pugno di pietra e le cui dimensioni fisiche sono sproporzionatamente grandi.
– Come notato da Pycelle e Qyburn, il veleno utilizzato dal principe Oberyn aveva reso nero il sangue di Ser Gregor.
– Il gigante è privo della testa e la testa di Ser Robert Strong non è mai stata vista, mentre quella di Ser Gregor, come detto, dovrebbe essere stata staccata dal corpo.

Ref. http://awoiaf.westeros.org/index.php/Robert_Strong/Theories

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento